È “di nuovo” caccia all’untore

Anche a Palo del Colle, come in tanti altri centri in questi giorni, con audio, immagini e commenti sui social, molti hanno cercato di svelare l'identità del primo contagiato

318
0
CONDIVIDI

Ne La Scienza nuova, opera del ‘700 del filosofo Giambattista Vico, viene argomentato uno dei pensieri destinati ad influenzare profondamente, di lì in avanti, il modo di percepire la realtà del mondo: i corsi e i ricorsi storici. 

Queste sono, per Vico, le coordinate della storia ideale eterna, che si svolge di tempo in tempo, sempre uguale a se stessa eppure diversa. Una lettura del mondo utile a spiegare anche quanto accade proprio in questi primi giorni del secondo decennio del duemila, esposti al rischio sempre più crescente a cui l’umanità è esposta a causa della pandemia. Di lotte tra l’esistenza umana e vari tipi di epidemie abbiamo pieni i libri di storia e la letteratura: dalla peste alla spagnola, dall’influenza suina alla più recente malattia di ebola e via dicendo. E ogni volta, queste forme di virulento contagio sono riuscite a far franare le difese e le certezze di cui abitualmente ci circondiamo. É quanto sta accadendo in queste ore, tanto più che l’Europa, e in particolare l’Italia, rappresentano il centro dell’epidemia e il cuore nevralgico della lotta per debellarla.

È tangibile il senso di smarrimento e di incertezza che, a poco a poco, prende possesso delle nostre menti, non solo come individui ma anche come comunità sociale. 

E così, mentre le nostre giornate sono diventate forzatamente ripetitive all’interno delle mura domestiche, a causa delle restrizioni imposte dal governo, la mancanza di sicurezza che ci circonda alimenta sospetti, indiscrezioni, supposizioni. È quanto è successo a Palo del Colle, come in tanti altri comuni in situazioni analoghe, dove già da prima che venisse ufficializzato il primo contagio, erano circolate, attraverso l’uso dei social –  che mai come ora, con i loro pro e contro, stanno condizionando pesantemente le nostre vite – messaggi, audio e addirittura immagini su chi fosse la persona interessata.

Ed è qui che si coglie in maniera evidente quella sottile linea di demarcazione tra la necessità di essere cauti, ben informati e rispettosi di quanto disposto dalle autorità, e il rischio di sfociare in comportamenti e giudizi dettati da cinismo e mancanza di rispetto verso chi è colpito dal contagio. Proviamo, inoltre, a metterci nei panni di parenti e familiari, letteralmente bombardati da messaggi e telefonate allarmate; proviamo a immedesimarci nell’impotenza che avranno provato dinanzi al dilagare, di cellulare in cellulare, di commenti o immagini del proprio congiunto, diffusi dall’insana frustrazione di un paese, di una comunità a caccia, in ogni modo e con ogni mezzo, dell’identità da svelare.

Un fenomeno che in questi giorni si registra in numerosissime città e, di certo, non nuovo, tant’è che si torna a parlare di “caccia all’untore”, definizione coniata da Alessandro Manzoni ne I Promessi Sposi, quando nel descrivere il panico suscitato dalla peste nel 1630, scriveva: “Gli animi, sempre più amareggiati dalla presenza de’ mali, irritati dall’insistenza del pericolo, abbracciavano più volentieri quella credenza: ché la collera aspira a punire”.

L’invito, dunque, è di non cedere a questa nuova forma di razzismo: il passo dai sentimenti di solidarietà e civiltà alla deriva di accuse fondate sul sospetto e la maldicenza può essere davvero molto breve. Ogni ricorso comprende in sé il corso precedente e lo supera: seguendo il modello indicato da Vico, sforziamoci di creare una strada nuova, diversa e più solidale.

Nell’immagine in alto, “La caccia all’untore” di Nino Lupica (1984)