Cultura

Home Cultura

L’eclissi d’amore in scena col bel canto

Dopo il debutto con "Giulietta e Romeo "di Vaccaj, prosegue con oltre trenta spettacoli l'originale "itinerario romantico" del Festival della Valle d'Itria

Appunti per il naufragio della nostra umanità

Nel romanzo di Davide Enia, un padre e un figlio danno finalmente voce ai veri protagonisti degli sbarchi a Lampedusa, ribaltando verità e narrazioni di comodo

Il richiamo della poesia tra note e parole

È ispirato al “recitar cantando” seicentesco, lo spettacolo “Assoli, variabili itineranti fra suono e parola" del flautista Vincenzo Mastropirro alla Galleria Nazionale di Bitonto
Trovatore

Il Trovatore “svelato” al suo pubblico

Primo appuntamento con le guide all'ascolto del capolavoro verdiano, in programma il primo settembre a Lama Balice per il Bitonto Opera Festival
video

L’estate “In Vacanza” ha un ritmo swing

L'ultimo singolo del cantante pugliese Samuele Cavallo è un brano leggero, morbido nell'ironia, fresco e soprattutto spensierato
shakespeare ai contadini

Shakespeare ai contadini di Capitanata

Teatro, musica, arte e cibo nell’originale rassegna che coniuga la cultura letteraria con la tradizione rurale più genuina
PAESAGGIO ITALICO di Francesco Speranza

La natìa Bitonto nel “Paesaggio Italico” di Francesco Speranza

Il dipinto del grande artista, forse il suo primo paesaggio, ci mostra una veduta del suo paese da Lama Balice come una fotografia chiara e nitida
Ignoti alla città

La periferia è un racconto per immagini della città

Ospite d'onore della rassegna "Ignoti alla città", alla Contessa di Bitonto, il regista Luca Capponi con il suo "Looking for Odisseo", documentario sui migranti
pina belli d'elia

“Nostra signora del romanico”

Con la scomparsa di Pina Belli D'Elia, la Puglia perde una delle figure più carismatiche tra gli studiosi d'arte medievale della regione

Dove va l’Europa? Ce lo spiega l’arte

Il liceo scientifico artistico di Bitonto con un liceo francese, uno rumeno e un altro lituano, riscopre la "vocazione europea" grazie all'incanto delle opere di Cézanne, Vasarely, Brâncuşi e Čiurlionis