Home Home

Home

Le Brevi

La collettiva "Arte senza tempo" approda a Trani 20 Luglio 2024 Arte e musica nelle strade dei fiori a Bitonto 19 Luglio 2024 Alla Mongolfiera una notte con Chopin 19 Luglio 2024 Oltremare sbaraglia il mercato della droga 17 Luglio 2024 Le nuove GenerAzioni a Bitonto e Palo del Colle 16 Luglio 2024 I milioni della Regione per le piste ciclopedonali 16 Luglio 2024 Veltroni alle Vecchie Segherie 15 Luglio 2024 Ciak & Zoom è la nuova rassegna di cinema 15 Luglio 2024 Grottaglie si mette in mostra 12 Luglio 2024 Puccini a Molfetta tra Giorgino e la Filarmonica 11 Luglio 2024 Il Kismet un meraviglioso teatro di bambole 11 Luglio 2024 {{title}} {{date}} La legge che fa la Puglia più consapevole e inclusiva 10 Luglio 2024 {{title}} {{date}} Formazione professionale tra teoria e pratica 8 Luglio 2024

Editori, librai e lettori sulla stessa barca al “Lungomare di libri”

0
Il punto di forza della rassegna barese sta nell'aver creato una comunità di persone e di intenti, come spiega Marco Pautasso, segretario del Salone del Libro di Torino

Per fare il cinema occorrono “fisici bestiali”

0
Le sorprendenti connessioni tra grande schermo e ricerca scientifica nel terzo appuntamento di sApericena, in programma stasera ai giardini pensili di Bitonto

La danza è il rito collettivo delle Sirene

0
Con l'omaggio a Pina Bausch si apre il Performing Arts Festival, viaggio con coreografi e artisti emergenti attraverso i luoghi più iconici di Bisceglie

Nephèlai ha reso ancor più umano il teatro di Cechov

0
Con "Domanda di matrimonio" e "L'anniversario", in scena a Mola di Bari, si conferma il grande talento del laboratorio attoriale di Carlo D'Ursi

Guerra e pace sulla ribalta di sApericena

0
Secondo appuntamento stasera ai giardini pensili di Bitonto, con Valentina Antoniol, ricercatrice in filosofia politica, e Valeria Ricchiuti di Amnesty International

I nostri video

Il Sol dell'avvenire. Matteotti 1924-2024 | Gianvito Mastroleo, Vincenzo Robles e Antonio Bonatesta

IL SOL DELL'AVVENIRE / IL SOCIALISMO DELL'AVVENIRE
Dalla lotta al fascismo di Matteotti alla lotta per la giustizia ambientale

Il 30 maggio 1924 Giacomo Matteotti pronunciava un celebre discorso alla Camera dei ...
deputati: un vibrante atto d’accusa contro il governo Mussolini, giunto al potere attraverso violenze e brogli elettorali. Pochi giorni dopo, il 10 giugno, il segretario del Partito Socialista Unitario veniva rapito e ucciso per ordine di Mussolini dagli squadristi fascisti.

A cent’anni da quella drammatica pagina della storia italiana, Primo piano (giornale online dell’area metropolitana di Bari) in collaborazione con la sezione bitontina del Partito Socialista propone una riflessione sulla lotta antifascista di Matteotti con l’obiettivo di recuperarne il valore storico e il senso. Col fine di additare i rischi di quella politica che oggi nello stile, nel dibattito e nelle leggi appare mossa dalla “necessità” di un potere forte, quando non esplicitamente autoritario e liberticida, anche se “legittimato” dal consenso elettorale. Un’idea e una prassi di governo lontani dai principi democratici e antifascisti su cui fonda la costituzione repubblicana del nostro Paese. Ma anche con uno sguardo prospettico rivolto alla lotta ecosocialista in risposta alle gravi crisi ambientali in atto e all'emergere delle nuove disuguaglianze su scala globale.

Ospiti della serata:

● l'avv. GIANVITO MASTROLEO, militante e dirigente locale, provinciale e nazionale del PSI, fondatore e presidente onorario della Fondazione Giuseppe di Vagno di Conversano
● il prof. VINCENZO ROBLES, già professore di Storia contemporanea presso l'Università di Foggia, studioso della storia del Movimento cattolico e del suo ruolo nel Meridione
● il prof. ANTONIO BONATESTA, professore di Storia contemporanea presso l'Università di Bari, studioso del Mezzoggiorno repubblicano e della storia dell'ambiente e del paesaggio

Modera l'incontro WALTER LAROVERE, redattore di Primo piano e docente di Filosofia e Storia.

📌 L'informazione culturale, la politica e la cronaca di Primo piano: https://www.primopiano.info/

👍 Metti "mi piace", lascia un commento e condividi l'intervista. Iscriviti al nostro canale YouTube: @primopiano6844

► Seguici su Facebook: / redazione.primo.piano
► Seguici su Instagram: / primopianoinfo
[+] Mostra di più

I più letti

Cultura

La bellezza essenziale ma irripetibile di Maruggio

0
Tra palazzi, chiese, torri e memorie dei Cavalieri di Malta, oltre il mare di cristallo, un suggestivo itinerario alla scoperta del piccolo centro a sud di Taranto

Le rubriche

Evergreen

edicole votive

Quei tempietti “pieni di grazia” che punteggiano la campagna bitontina

0
Le edicole votive sono l'epressione di una religiosità antica e popolare, ravvivata, di anno in anno, dalla scialbatura di calce e dall'omaggio floreale

Scripta manent

La felicità semplice di “Qui si gode” al mare di Santo Spirito

0
Il piccolo caffè, dove i bitontini giunti in treno alla spiaggia si concedevano bevande fresche e granite al limone, oggi non esiste più ma è pronto a rinascere

Tempi moderni

La zuppa di pomodoro su Van Gogh? Rischia di essere poco

0
Il gesto di Phoebe e Anna, attiviste di Just Stop Oil, desta più scandalo dell'indifferenza dei governi verso l'ambiente e del genocidio in atto

Cartolina da New York

L’ombra di Trump sul futuro degli Usa

0
Ad un anno dall'assalto a Capitol Hill, il tycoon torna a parlare di brogli nelle elezioni presidenziali, ponendo una seria ipoteca sulla prossima tornata elettorale

Storie di gusto

La magia della tradizione con un pizzico di novità

0
Una cucina bio e un mix energetico degli alimenti, fanno di “Le Rune” di Torre a Mare uno dei ristori più apprezzati e frequentati del barese

La scuola tra ieri e oggi

La prima scuola mappata con la realtà aumentata

Grazie all'innovativa tecnologia virtuale, l'Istituto Preziosissimo Sangue di Bari offre l'accesso agli elaborati, ai laboratori e ai luoghi frequentati dagli alunni

Viaggio tra i borghi

Borgo Segezia il capolavoro di Concezio Petrucci

Luogo dell'anima oltre che icona del paesaggio pugliese, il centro rurale, compreso tra quelli della fossa, esprime meglio il talento e la sensibilità dell'architetto