“Il Capo dello Stato fermi quell’inceneritore”

Il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, si rivolge a Mattarella per l'annullamento della delibera regionale favorevole all'impianto di trattamento dei rifiuti, previsto a ridosso del territorio comunale

214
0
CONDIVIDI

Il Comune di Bitonto ha proposto un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica per l’annullamento del provvedimento dirigenziale regionale con il quale è stato espresso giudizio favorevole di compatibilità ambientale al progetto per la realizzazione di un impianto per il trattamento e coincenerimento di rifiuti speciali non pericolosi e pericolosi, prodotti dal trattamento di biostabilizzazione di rifiuti di natura urbana.

Presentato dalle società Newo S.p.A. e Ossigenopuro S.r.l., il progetto sarà realizzato nella zona industriale di Bari, in via Luigi Corigliano.

Il ricorso, che ha carattere alternativo rispetto ai ricorsi giurisdizionali, è stato notificato nei giorni scorsi ai diretti interessati e fa seguito alla nota con la quale il 10 maggio scorso il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, aveva richiesto alla Regione Puglia l’annullamento in autotutela del provvedimento dirigenziale risalente al 25 gennaio 2018.

Nell’istanza, il Comune di Bitonto lamenta la mancata convocazione alla conferenza di servizi relativa al procedimento istruttorio, pur essendo interessato all’opera e ai suoi effetti sull’ambiente e sulla salute per la vicinanza al sito individuato, e argomenta la richiesta di annullamento del provvedimento, sostenendo, in primo luogo, che la verifica della possibilità di realizzare l’impianto non avrebbe tenuto in debito conto gli strumenti di pianificazione nazionale e regionale.

In particolare, viene ricordato che il DPCM 10 agosto 2016 (Allegato III – Individuazione degli impianti da realizzare o da potenziare per soddisfare il fabbisogno residuo nazionale di incenerimento di rifiuti urbani e assimilati) ha riconosciuto per la Puglia “un fabbisogno residuo di incenerimento” tale da far ritenere sostenibile un intervento per il potenziamento degli impianti di incenerimento esistenti, escludendo la possibilità di realizzazione di nuovi impianti. Nessun impianto di ossidocombustione, poi, ricorda il Comune di Bitonto, è previsto nel Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani (PRGRU).

Con la valutazione positiva dell’opera – argomentano ancora i legali del Comune – sarebbe stato violato il principio di precauzione, che impone, in casi come questo in cui non siano conosciuti con certezza i rischi indotti da un’attività anche solo potenzialmente pericolosa, una prevenzione anticipata rispetto al consolidamento delle conoscenze scientifiche, ritenendo insufficiente il richiamo ai dati di analisi di un impianto similare che si trova a Gioia del Colle, ricavati durante un periodo di funzionamento di soli 44 giorni nell’arco dei 10 anni di vita.

L’impianto, infine, è ritenuto inutile alla luce delle più recenti disposizioni normative europee in materia di economia circolare e rifiuti, che puntano a stimolare i comuni a potenziare i sistemi di raccolta differenziata, con misure di sostegno all’espansione del settore del riutilizzo e del mercato dei prodotti riutilizzati e dei materiali riciclati, a sfavore dell’incenerimento dei rifiuti.

“Il ricorso straordinario al Capo dello Stato – sottolinea Michele Abbaticchio – si è reso necessario per evitare lo scadere dei termini di legge per impugnare il provvedimento di autorizzazione e rappresenta un atto dovuto, in quanto è nostro imprescindibile e legittimo interesse tutelare in ogni modo l’ambiente e la salute dei cittadini”.

Un’azione di contrasto, dunque, che va ad aggiungersi all’opposizione di altri comuni della zona potenzialmente interessata dall’inceneritore. Due mesi fa, infatti, altri sette sindaci di altrettante città (Modugno, Binetto, Bitetto, Bitritto, Giovinazzo, Palo del Colle, Sannicandro) avevano presentato i propri ricorsi contro la stessa autorizzazione.