Notes and Words: la sfida di Letizia Onorati

Notes and Words è il secondo album di Letizia Onorati, cantante leccese di impronta jazz

202
0
CONDIVIDI

Notes and Words è il secondo album di Letizia Onorati, cantante leccese di impronta jazz che è anche autrice o coautrice di quasi tutti i brani del lavoro. All’uscita del disco, lo scorso 19 gennaio, è seguito un tour partito dalla sua città natale e che l’ha portata in giro per l’Italia. Letizia Onorati ha cominciato a dedicarsi alla musica dall’età di otto anni, e negli anni ha collaborato con musicisti di rilievo nazionale e internazionale, alcuni dei quali li ritroviamo proprio in questo suo nuovo disco. L’anno scorso ha partecipato all’International Jazz Day 2017 (Unesco) presso l’Istituto di cultura italiano a Bruxelles.

Notes and Words: la sfida di Letizia Onorati

Che risposta ha avuto per i brani del nuovo album?

Sto ricevendo un riscontro molto positivo, Notes and Words mi sta regalando delle belle soddisfazioni, il pubblico risponde sempre con entusiasmo e durante i live è caloroso e partecipativo.

In cosa differisce questo secondo album dal primo?

Notes and Words è un’evoluzione rispetto al primo progetto discografico. Con Black Shop ho voluto fare un omaggio alla tradizione jazz, Notes and Words invece mi permette di sperimentare un nuovo linguaggio e nuove sonorità in cui la matrice è sempre fortemente legata al jazz ma con influenze funk, soul e di musica brasiliana.

Notes and Words: la sfida di Letizia Onorati
Letizia Onorati © Roberto Cifarelli

Come nascono i testi di Notes and Words?

I testi di Notes and Words nascono da esperienze vissute, emozioni che hanno scandito diversi momenti della mia vita, affrontando, dunque, svariati temi.

Questo disco può vantare la partecipazione di grandi musicisti

Sono accompagnata da una band formidabile, composta da musicisti e persone meravigliose che hanno reso unici i momenti sul palco e fuori dal palco. Figura fondamentale è sicuramente quella di Paolo Di Sabatino, pianista, compositore, arrangiatore e direttore artistico, che ha egregiamente coordinato tutti: Flavio Boltro, alla tromba, Max Ionata, al sax, Daniele Mencarelli, al basso elettrico, Glauco Di Sabatino, alla batteria, Giovanna Famulari, al violoncello, Bruno Marcozzi alle percussioni e il crooner newyorkese Sachal Vasandani, insieme a me sul disco in due brani.

Letizia Onorati ama le sfide?

Mi piacciono molto le sfide, mi piace mettermi alla prova e tentare di imparare sempre cose nuove. Notes and Words per me è una sfida perché con questo disco mi presento per la prima volta come autrice e compositrice, perché posso condividere il palco con una dream band e infine perché, con questo disco, vorrei provare a far entrare in sonorità e dinamiche del jazz anche chi fino ad ora non è stato un appassionato di questo genere musicale.

Notes and Words: la sfida di Letizia Onorati
Letizia Onorati © Roberto Cifarelli