Viaggio tra i borghi

Home Rubriche Viaggio tra i borghi

Tra storia, cultura e paesaggio, l’anima “volitiva” del Sannio

Dal celebre cratere di Assteas, a Montesarchio, al grande presepe vivente di Morcone, un percorso alla riscoperta di una regione tra le più interessanti del mezzogiorno
Enzo Siciliano Falerna

Enzo Siciliano e Falerna, le punte di “Diamante” della terra calabra

Molte delle pagine più intense del celebre scrittore sono ispirate dalle suggestioni evocate dai luoghi e dalla storia del proprio paese d'origine

La catena del Partenio guarda Napoli ed ecco il vallo di Lauro

Il fascino della storia e l'incanto del paesaggio in un insolito itinerario, dal Castello Lancellotti al borgo di Motefusco e alle rovine di Carbonara

La grande “nave di pietra” sulle alture che guardano Crotone

Con il castello, il battistero e i suoi musei, Santa Severina suscita forti suggestioni culturali, che affondano nel ricco passato di avamposto bizantino in Calabria

Le grotte di Zungri sono “l’eco” di un mondo passato

Di diverse dimensioni e funzioni, sono un centinaio gli antri scavati nella roccia del centro, vicino Vibo Valentia, memoria storica e antropologica del profondo Sud
frantoio ipogeo Presicce

Quando i frantoi erano grotte in cui lavorava la “ciurma”

Valgono davvero una visita gli antichi oleifici di Presicce e Specchia, nel capo di Leuca, scavati nella pietra come città sotterrane e parallele

Da comunità operose a borghi fantasma

Il fascino misterioso di Monteruga e San Crispieri, nel sud della Puglia, tra chiese dirute e opifici abbandonati, in cui risuona l'eco di un passato fiorente

Civita, “Il nido delle aquile” tra le rocce del Pollino

Dal Ponte del diavolo sul torrente Raganello alle case di Kodra, la vocazione turistica del piccolo centro, tra le capitali della Calabria albanese

Il fascino mistico della “ringhiera umbra”

Tra magici panorami e capolavori d'arte, Montefalco, con la sua amena posizione, è tra le mete più ambite del turismo culturale ed enogastronomico
Greci

Il fascino antico di Greci, “capitale italiana” degli arbëreshë

Il borgo dell’Irpinia, colonizzato nel quattrocento dai soldati di Skanderbeg, è tra le più importanti comunità di lingua albanese del Sud Italia