Apertura

Home Apertura

Checco Zalone con Albano e Romina nelle “grinfie” di Tvboy

Dalla Galleria Formaquattro alle strade di Bari, una irresistibile carrellata di personaggi, visti con piglio dissacrante e gusto satirico dal noto street artist palermitano

A Trani il piacere della lettura è di casa

Il titolo di "Città che legge" assegnato dall'Anci è un'opportunità per rilanciare, dopo la pandemia, l'immagine culturale e turistica del noto centro a nord di Bari

Un tripudio di fiori per la Madonna del Carmelo

Una serie di addobbi sui balconi del centro antico di Ruvo, rinnovano il fascino e la devozione popolare per un culto che affonda le radici nella storia della città

Quando piazza cattedrale era il centro della vita pubblica a Bitonto

La storia della platea cittadina, arricchita dalla testimonianza di viaggiatori dell'Ottocento sulle orme dell'architettura svevo-normanna

Dagli antichi messapi alle spiagge dorate, benvenuti a Manduria!

Dal Fonte pliniano al Parco delle mura alle acque cristalline di San Pietro in Bevagna, la cittadina a sud di Taranto esprime una straordinaria vocazione turistica

Il “cortilio” nucleo principale della Bitonto antica

Nel medioevo la parrocchia rappresenta, nella città degli ulivi, l'unità edilizia fondamentale per la definizione del disegno urbano

Nella “Natività” di Speranza l’autoritratto dell’artista

La presenza dell'autore nel dipinto aggiunge un tocco di originale attualità all'opera, già straordinariamente ricca di riferimenti artistici e biblici

Tre scenari futuri dell’economia mondiale

Recessione globale o crisi temporanea, per risollevare il lavoro ed evitare la catastrofe sociale serve un'eccezionale quantità di denaro pubblico sui mercati

La Murgia più fascinosa tra paesaggi incantati e storie di papi

Un interessante itinerario da Poggiorsini a Spinazzola, alla riscoperta dei borghi di Puglia, preziosi scrigni d'arte incorniciati da una natura superba

Il disegno del paesaggio agrario nelle “quote” di Bitonto

Un pezzo di storia, sociale ed economica, raccontata attraverso le trasformazioni dei demani sul territorio murgiano, avviate con la fine del feudalesimo