SosteniaMoh il pianeta con una casa agli insetti impollinatori

Si avvia al parco Gargasole di Bari il progetto delle associazioni MOH, Greenpeace e Ortocircuito per formare i giovani a conoscere e rispettare l'ambiente

257
0
CONDIVIDI

La struttura è stata progettata da Dottor Wood, azienda specializzata nella produzione di accessori alla moda di Palo del Colle, che ha fornito legno recuperato e altri materiali riciclati, mettendoli a disposizione delle associazioni MOH, Greenpeace e Ortocircuito Bari. Nasce così la prima bugs house per accogliere gli insetti che andranno a impollinare i fiori piantati negli scorsi mesi all’interno del Parco Gargasole, garantendo un rifugio sicuro a una specie molto importante per l’ecosistema. Come spiega Rosanna Bellomo, responsabile e presidente di MOH, Mobility Opportunities Hub, associazione socioculturale di Bari che ha lo scopo di promuovere la mobilità tra i giovani, di creare sinergie con le associazioni locali ed europee e di tracciare un legame tra lavoro sociale e artistico.

Si tratta del primo passo di un piano ambizioso: i soci di MOH, infatti, grazie a un concorso indetto dal Centro Servizio Volontariato San Nicola, riceveranno i finanziamenti per promuovere il progetto SosteniaMOH il pianeta, partito con la realizzazione della bugs house che proseguirà con la realizzazione di laboratori di cosmesi, che permetteranno ai visitatori di apprendere le tecniche per ricavare dentifrici, creme e repellenti per zanzare, con il solo utilizzo di pochi ingredienti facilmente reperibili in casa.

Il progetto proseguirà fino a dicembre e si svilupperà anche attraverso laboratori ed eventi a tema ambientale, con la possibilità di partecipare a escursioni guidate, che permetteranno a quanti siano interessati di imparare a riconoscere le principali erbe spontanee del territorio pugliese.

La rilevanza di questo progetto è sottolineata dalla presenza di più associazioni che hanno come obiettivo comune la salvaguardia e la tutela dell’ambiente, ponendo i giovani al centro dei loro progetti. “Ciò che preme di più alla nostra associazione è la mobilità dei giovani. E’ importante ristabilire un forte contatto con il territorio, coinvolgendo attivamente i ragazzi”, spiega Rosanna Bellomo.

La realizzazione della prima bugs house ha permesso di sottolineare l’importanza degli insetti impollinatori, che svolgono un ruolo fondamentale per il corretto sviluppo di tutto l’ecosistema. “Abbiamo riscontrato una certa difficoltà da parte degli insetti impollinatori nello svolgere la loro normale attività. I continui sbalzi climatici e il costante utilizzo dei pesticidi all’interno delle monocolture intensive sta danneggiando gravemente l’ecosistema”, afferma il coordinatore di Greenpeace, Massimiliano Bocconi.

I ragazzi di Greenpeace Bari da quasi due anni si occupano di diffondere il rispetto per l’ambiente, mossi da ideali di pace e condivisione. Tra le loro principali attività ricordiamo il volantinaggio volontario e la realizzazione di corsi di educazione ambientale all’interno delle scuole. La realizzazione della casa per gli insetti al Parco Gargasole è stata accompagnata da un’approfondita spiegazione riguardo l’importanza degli insetti impollinatori, che risultano fondamentali per lo sviluppo di piante, fiori e alberi da frutto.

Particolarmente preoccupante il massiccio utilizzo di pesticidi, che oltre ad avvelenare gli insetti, non permette agli stessi di ritrovare il loro alveare e impollinare altre piante, recando un danno sia agli animali che all’ambiente.

“Abbiamo partecipato con entusiasmo alla realizzazione della prima bugs house. Ci auguriamo sia la prima di molte altre. Abbiamo molto a cuore il tema della tutela degli insetti impollinatori, troppo spesso ignorato dalla gente. Per rendersi conto dell’importanza di questi animali, basti pensare che se ogni giorno sulle nostre tavole troviamo della buona frutta, è soprattutto grazie al loro lavoro!” afferma soddisfatto Massimiliano Bocconi.

Greenpeace ha dato vita, infatti, al progetto “salviamo le api” dimostrandosi molto sensibile a questo argomento. La realizzazione della bugs house rappresenta, dunque, un primo intervento sul campo in favore di questi preziosi insetti.

Non è la prima volta che diverse associazioni collaborano ponendosi degli obiettivi in comune, pur avendo ruoli e visioni differenti. I ragazzi che ne fanno parte sono mossi da un comune sentimento di rispetto nei confronti dell’ambiente, per il quale sono disposti a offrire il proprio determinante contributo.

Le foto sono tratte dalla pagina Fb dell’associazione Moh