La fiaba della vita raccontata ai bambini su youtube

Da "Cappuccetto Rosso" a "Pulcinella" a "Ahia!", le scene più salienti degli spettacoli per bambini prodotti in Puglia da oggi sono online grazie al Teatro Pubblico Pugliese

809
0
CONDIVIDI

Lo show non si ferma mai! La bestia nera del covid ha tentato di frenarlo e finanche di metterlo ko, ma ha solo ottenuto l’effetto di rendere più coraggiosi tutti i suoi interpreti, più astuti e audaci i suoi attori, pronti a scendere a patti con la tecnologia, sfruttando un canale youtube. 

Il teatro, è vero, non è nulla senza il suo pubblico. Ma mettiamo il caso che vi sia un palco e che tutte le emozioni che di solito si provano dal vivo siano, comunque, tanto forti da risultare palpabili. Un vero scacco alla bestia nera che ci ha privato della libertà.

Non ci mancherà, così, di sentire “sulla nostra pelle” la bravura degli attori, il loro amore appassionato e irrinunciabile per quel palco, la nostalgia che solo chi è abituato a sentire gli assi lignei del palco scricchiolare sotto il peso di un salto o di un passo più pesante può provare. Tutte queste emozioni saranno un segreto retaggio, pronto ad essere rivissuto online, davanti allo schermo del nostro computer.

In realtà, in palio c’è molto più di questo. Il Teatro Pubblico Pugliese pensa anche ai più piccoli con il progetto La Scena dei Ragazzi Online, che si concluderà il 12 giugno. Consentirà loro di avvicinarsi al teatro e di scoprirne i segreti (cose che certamente neppure gli adulti conoscono), accompagnandoli in un magico viaggio dietro le quinte. Potranno conoscere tutti i processi creativi di uno spettacolo teatrale, come se stessero seguendo un vero laboratorio.

Potranno capire come si costruisce uno spettacolo teatrale, cosa fanno gli attori per prepararsi ad interpretare un ruolo, quali sono i loro segreti e quali le loro manie, come si allestisce la scena. L’intento è educativo, pensato principalmente per le scuole, in modo da ampliare i contenuti della didattica a distanza. 

I video saranno caricarti, di volta in volta, sul canale youtube (clicca qui) consentendo la visione a qualsiasi orario e senza l’onere e il fastidio di password o login, così da semplificarne il più possibile la fruizione sia per i più piccoli sia per i genitori. Offrendo, così, spunti per discussioni e materiale per un sempre benefico confronto intergenerazionale.

Per non stancare gli occhi dei ragazzi, verranno mostrate solo alcune scene e i momenti più salienti degli spettacoli già portati in scena da dodici compagnie, non soltanto pugliesi: Inti (Luigi D’Elia), QuaLiBò, Visioni di (p)Arte, Tra il Dire e il Fare, La luna nel letto, Bottega degli apocrifi, Compagnia del Sole, Crest, Factory Compagnia Transadriatica, Granteatrino, Kuziba, Sosta Palmizi, Teatri di Bari, Koreja. Molte produzioni sono state adattate ai tempi attuali, con l’intento di realizzare il grande obiettivo del teatro: essere sempre moderno e contemporaneo.

L’idea rientra nel contesto internazionale dei Puglia Showcase Kids, un progetto della Regione Puglia, ideato e realizzato sempre dal Teatro Pubblico Pugliese e finanziato con lo scopo della tutela e valorizzazione dei beni culturali, nonché per promuovere il patrimonio pugliese, innanzitutto, e italiano in generale. Al progetto hanno aderito molte compagnie del nord e qualcuna del centro; ma la maggior parte sono realtà nostrane.

Sebbene sia stata avviata solo da pochi giorni, l’iniziativa ha già  ottenendo molti consensi, grazie alla qualità degli spettacoli, come Cappuccetto Rosso, della compagnia La luna nel letto, con la regia di Michelangelo Campanale, vincitore dell’Eolo Award nel 2019. Il Granteatrino mostrerà il backstage del Pulcinella di Lele Luzzati, con la regia di Paolo Comentale. Si vedranno lavori che hanno girato il mondo, ottenendo un incomparabile successo, come Operastracci di Koreja, diretto da Enzo Toma e Canto la storia dell’astuto Ulisse della Compagnia del Sole, con la regia di Flavio Albanese, parecchio apprezzata dalla critica.

Damiano Nirchio

Fiore all’occhiello, lo spettacolo Ahia! di Damiano Nirchio, allestimento dei Teatri di Bari e Senza Piume Teatro. Pluripremiato e di sconcertante attualità, si interroga su questo nostro difficile periodo, elencandone problemi e vantaggi e interrogandosi su come sarà il mondo che verrà. Per l’occasione il titolo si trasformerà in Passerà questo grande… Ahia!, un’occasione per riflettere sul dolore e sulle paure dei più piccoli. 

Tra le tante speranze legate all’impegnativo progetto, quella che il teatro – senza più la barriera costituita dall’essere stato concepito per tanto tempo come una forma d’arte riservata solo ad una fortunata élite – possa essere percepito dai più piccoli, come una inesauribile fonte di emozioni. Un modo per avvicinare il pubblico pugliese al palcoscenico, su cui danno ottima prova di sé numerose compagnie, il cui talento è noto ben oltre i confini regionali.

Nell’immagine in alto e nel testo, alcune scene di Ahia! di Damiano Nirchio