Il virus spiegato, senza paura, ai bambini

Una guida, realizzata dai Musei dei bambini e tradotta in tutte le lingue, insegna ai genitori come far accettare ai più piccoli le giornate trascorse in casa

682
0
CONDIVIDI

La realtà di questi giorni, fatta di bollettini della Protezione civile, quarantena, distanze da rispettare e code infinite davanti ai supermercati, alcune settimane fa avremmo potuto immaginarla solo in un romanzo o in un film di fantascienza, di quelli ambientati in un futuro lontano e distopico che tanto sono andati di moda negli ultimi anni. 

Se questo stato di cose è già difficile da sopportare se si è adulti, informati e consapevoli, pensiamo quanto possa risultare insostenibile agli occhi di un bambino che, da un giorno all’altro, si vede privato della possibilità di andare a scuola con i propri compagni, fare una passeggiata al pomeriggio, un giro in bicicletta la domenica, andare a trovare i nonni e rimanere in casa tutto il giorno senza riuscire a capirne il perché. 

Spiegare, infatti, a un bambino cosa sia il coronavirus – cercando, da un lato, di far comprendere la serietà della questione così da rendere accettabili le limitazioni e le misure igieniche richieste e, dall’altro, di non turbare la sua serenità – è una delle nuove sfide che i genitori si trovano ad affrontare in questi strani tempi. 

Fortunatamente, a venire in soccorso di mamme e papà d’Italia e del mondo intero in questo difficilissimo compito è la Guida Galattica al Coronavirus. Per bambini e bambine curiosi (clicca qui): si tratta, come dice il titolo, di un albo illustrato che, in maniera semplice e diretta, racconta ai più piccini l’origine del virus e i meriti dei medici che stanno mettendo in campo tutte le loro abilità per combatterlo, ma che fornisce, al contempo, curiosità e consigli utili a prevenire il contagio.

Il progetto, alla cui realizzazione hanno collaborato i Musei dei bambini italiani (Children’s Museum Verona, MUBA – Museo dei bambini Milano, Explora – Museo dei bambini di Roma e La città dei bambini e ragazzi di Genova) oltre che l’associazione internazionale Hands on! International Association of Children in Museums e Pleiadi – Science farmer, è stato realizzato da Erika Nerini e Daniela Longo, dottori di ricerca in campo clinico e farmaceutico e divulgatrici scientifiche che si sono servite delle loro conoscenze scientifiche e dell’esperienza maturata in quanto genitori per spiegare ai piccoli lettori la difficile situazione che il mondo sta attraversando. Lo scopo della guida – come spiegano le due autrici – è fornire ai genitori un valido strumento attraverso il quale illustrare ai propri figli l’epidemia in corso senza, però, trasmettere ansia e paura, ma trasmettendo loro un sano senso di curiosità verso le circostanze senza precedenti che si stanno vivendo: conoscenza, consapevolezza e condivisione del sapere sono, infatti, le tre idee-chiave portate avanti dal progetto.

A rendere ancor più lodevole l’iniziativa è il carattere totalmente inclusivo dell’albo che – gratuito e scaricabile online – sfida ogni tipo di barriera per rivolgersi indistintamente a tutti i bambini: la guida è scritta, infatti, in un font ad alta leggibilità per essere fruibile anche da chi soffre di dislessia e, oltre che in Italia, è disponibile in ogni parte del mondo in versione bilingue, tradotta dall’italiano in inglese, francese, tedesco, spagnolo, catalano, basco, giapponese, serbo, albanese, bulgaro, turco, iraniano, arabo, ungherese, portoghese, polacco, russo, greco, filippino.

Se qualcosa di buono, in fondo, può venir fuori da questi giorni tanto bui per il nostro Paese e per il mondo intero è proprio la riscoperta del valore immenso della solidarietà che, con piccole o grandi iniziative e in mille altri modi, ci viene in soccorso per dimostrarci che non siamo soli. E per fortuna!

In alto e nel testo, alcune illustrazioni tratte dalla guida