La musica al lavoro per il buon umore

Da Mahmood a Diodato, uno sguardo alle nuove produzioni pronte a fare compagnia a milioni di italiani tra le mura di casa

244
0
CONDIVIDI

In tempi incerti, sospesi e monotoni come quelli che ci ritroviamo a vivere, l’arte è una delle poche dimensioni in grado di penetrare fin nelle nostre vene e infonderci nuova linfa vitale, tanto nei giorni in cui siamo pervasi di una carica inaspettata, quanto soprattutto in quelli più scialbi, che affinano la nostalgia: vuoi per la mancanza di una semplice serata in compagnia degli amici di sempre, della persona amata da tenere a distanza per starle più vicina – come ci ricordano di continuo gli spot in tv – o magari di quel sogno impalpabile, quell’unione impossibile, quel desiderio ancora irrealizzato che puntualmente bussa alle porte del cuore proprio nei momenti in cui non c’è proprio nulla da fare.

Per fortuna, le iniziative per colorare queste prime settimane di primavera non mancano. Parliamo delle novità musicali che i cantanti del momento stanno lanciando grazie ad etichette discografiche attente alle esigenze del pubblico, che oggi più che mai ha bisogno di una ricarica di buon umore.

Mahmood

Partiamo dal lavoro della Island Records, che dalla scorsa settimana ha avviato un lungo progetto in collaborazione con vari interpreti della scena italiana rivolto alla pubblicazione di nuovi contenuti musicali: si va dalle versioni acustiche di hit come Non avere paura di Tommaso Paradiso a grandi cover come la celebre Redemption song di Bob Marley, interpretata da Mahmood per commemorare il cantautore giamaicano per quelli che sarebbero stati i suoi 75 anni (il lavoro del cantante di Milano Sud si aggiunge all’inedito digitale Eternantena, che ha pubblicato sul suo canale YouTube lo scorso 28 marzo come segno d’affetto verso i suoi fan); e si prosegue con film documentari, come quello pubblicato sui concerti live del gruppo rap Club Dogo; remix che hanno visto la collaborazione della fresca rapper Madame con la già affermata Elodie sulle basi della hit sanremese Andromeda; e nuove uscite dei tipi più svariati, come la speranzosa Andrà tutto bene prodotta in diretta instagram dai cantanti Elisa e Tommaso Paradiso, i cui ricavati saranno devoluti a favore della Protezione Civile, oppure l’adolescenziale Generazione del nuovo duo romano di Gli Psicologi, salutata con un’ottima recensione da Rolling Stone Italia per il mix di sound anni ’90 e AutoTune più contemporaneo e una grinta da vendere.

Dua Lipa

Tra i dischi in uscita nell’ultimo periodo spiccano lavori internazionali: è il caso di After Hours, il nuovo album del cantante canadese The Weeknd pubblicato il 20 marzo scorso, che ha debuttato alla posizione #1 nella prima settimana di vendita all’interno della classifica Top Album certificata FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), e di Future Nostalgia, l’ultimo disco della cantante britannica Dua Lipa, già ospite dell’ultima edizione del Festival di Sanremo, che, in seguito al successo di streaming e download digitali della power hit Don’t Start Now, ha nuovamente calcato la vetta delle classifiche mondiali con il suo nuovo album pop, che mette d’accordo le opinioni dei critici musicali sulla sua buona riuscita. Da non dimenticare, inoltre, il ritorno del gruppo rock newyorkese The Strokes, dopo sette anni di crisi interne alla band, con The New Abnormal, un album che si presenta come un inno decadente a una carriera in declino, e proprio per questo intriso di impareggiabile bellezza: come quella dell’ultimo bacio in un amore furioso e complicato. 

La scena discografica pop italiana, invece, si è arricchita con il quinto album di inediti di Francesca Michielin: FEAT (Stato di natura), pubblicato lo scorso 13 marzo, che celebra e favorisce l’unione di atmosfere urbane e riserve naturali con una contaminazione dei sound più disparati (musica elettronica, rap, rock, indie, ecc.), realizzata con la collaborazione degli artisti più originali del cantautorato italiano (Mahmood, Fabri Fibra, Coma Cose e molti altri). Tra i nuovi singoli abbiamo Autoblu del rapper milanese Shiva, che rivisita il tormentone anni ’90 Blue (Da ba dee) della band dance Eiffel 65; SPORT + muscoli di Marracash, in collaborazione con Luche, Lazza, Paky e Taxi B, che si va ad aggiungere al suo grande lavoro discografico, PERSONA; e ancora, per i palati più sopraffini, una versione inedita della composizione Nuvole bianche di Ludovico Einaudi con un arrangiamento per violoncello.

All’appello non mancano i videoclip musicali, girati tendenzialmente in casa, come mostra il rapper Ghali: per la sua Good Times ha creato una “bell’atmosfera” con i suoi fan, che fanno comparse a sequenza mentre sono intenti a godersi una boccata d’aria nel giardino di casa, o persino sotto la doccia. E pensiamo anche a Francesca Michielin, che ha girato in autonomia il video di uno dei suoi ultimi singoli, Stato di natura, tra le strade di una Milano deserta. 

Infine, va a completare il ricco mosaico di novità la freschissima notizia dell’ufficio stampa dell’Eurofestival: l’Eurovision Song Contest, previsto per il 12-14 maggio a Rotterdam ma annullato il mese scorso a causa dell’emergenza sanitaria nei paesi dell’Unione Europea, sarà sostituito con l’iniziativa in streaming Europe Shine a Light, che il prossimo 16 maggio vedrà la partecipazione dei cantanti europei in gara in uno show non competitivo, riconfermando la presenza del vincitore dell’ultima edizione i Sanremo, Diodato, al fianco delle leve musicali europee. Insieme ai brani che avrebbero eseguito durante la gara, i musicisti si accorderanno in un’unica voce sulle note di Love Shine a Light, un pezzo della band britannica Katrina and The Waves pieno d’amore e di speranza, risultato vincitore nell’edizione del 1997.

Diodato parteciperà a “Europe shine a light”

Non mancheranno di certo altre sorprese dal panorama musicale del nostro paese, che, pur nelle sue ataviche storture, nei momenti di difficoltà si rivela sempre in grado di tenderci una valida mano d’aiuto anche solo per donarci un sorriso, l’unica vera arma contro il cattivo umore che l’isolamento – per Coronavirus o per qualsiasi altra motivazione emotiva che ci preoccupa in tempi ordinari – alimenta come fuoco su legna. Basta davvero poco per rilassarsi e recuperare il tempo perso per le “bad vibes”: a volte bisogna fermarsi un attimo, infilare gli auricolari nelle orecchie e abbandonarsi alle note musicali come ci comanda il cuore. 

Nell’immagine in alto, un frame del videoclip della canzone di Paradiso ed Elisa.