Ricorda il passato, comprendi il presente

Con un fitto programma di eventi, tra mostre, incontri e concerti, torna Memento il format dell'amministrazione di Bitonto per ricordare gli eccidi del secolo scorso

695
0
CONDIVIDI

Mostre fotografiche, cineforum a scuola, incontri e dialoghi con autori, tavole rotonde, conversazioni, concerti, spettacoli teatrali, convegni. E’ Memento 2020, il format proposto dall’amministrazione comunale di Bitonto per ricordare, conoscere, meditare e imparare dai genocidi della storia, in particolare la shoah e le foibe.

L’ampio cartellone di eventi, previsti dal 26 gennaio al 10 febbraio, è stato presentato a Palazzo Gentile dall’assessore Rocco Rino Mangini, dal sindaco Abbaticchio e dalla vicesindaca Rosa Calò. Un ricco e articolato programma, frutto della proficua sinergia tra amministrazione, scuole, accademia “Vitale Giordano”, associazioni e cooperative: un’intesa vincente che consente, a sette anni dalla prima edizione di Memento, di proporre attraverso linguaggi ed esperienze culturali diverse un’approfondita riflessione sugli stermini di massa che hanno caratterizzato il secolo scorso, con l’intento di esorcizzarne i rischi legati all’oblio o, peggio ancora, ad un loro ritorno.

Da sin. la vicesindaca Rosa Calò, l’assessore Rocco Rino Mangini e il sindaco Michele Abbaticchio

Michele Abbaticchio ha auspicato che questi format, ormai storici per la città, possano entrare a pieno diritto nei piani dell’offerta formativa di ciascun istituto scolastico, stigmatizzando, di contro, la scarsa partecipazione degli studenti delle superiori all’ultima edizione del Bi Talk, festival fresco e giovane, dai contenuti e dai linguaggi contemporanei. Così come ha evidenziato la scarsa partecipazione delle scuole al corteo in memoria di Anna Rosa Tarantino, a due anni dal suo feroce assassinio.

Tornando agli eventi di “Memento”, segnaliamo, tra i più interessanti, la mostra fotografica Come fiori di loto – per illuminare l’oscurità con la forza della speranza di D. Jean Paul Stanisci che illustra dodici luoghi delle tragedie umane legate agli stermini di massa, le Cinque conversazioni con studiosi sul rapporto scienza-shoah e foibe a cura dell’’accademia “Vitale Giordano”, l’incontro con Antonio Scagliarini e alcuni esuli delle foibe, Songs for Freedom, il concerto per piano solo con musiche tratte dalla tradizione e dalla filmografia collegate alle vicissitudini dei perseguitati e delle vittime di ogni oppressione, riarrangiate da Alberto Iovene, il Convegno su Giuseppe di Vagno a cura di Anpi e il concerto Recordare dell’orchestra sinfonica metropolitana diretta da Vito Clemente con la voce di Katia Ricciarelli. Evento, quest’ultimo, compreso tra i tre concerti esclusivi programmati al Piccinni di Bari, a Matera e a Bitonto.

Di seguito, il programma dettagliato degli aventi. Le guerre non sono finite. Conoscere ciò che e’ accaduto può servire ad evitare si ripeta.

Domenica 26 gennaio

Ore 18,30 – Torrione Angioino
Inaugurazione della mostra fotografica “Come fiori di loto – per illuminare l’oscurità con la forza della speranza” di Dominique Jean Paul Stanisci. In collaborazione con Ulixes, Officine Culturali e Presidio del Libro Bitonto.
Ore 19.30 e 20.15
“Corro”, spettacolo teatrale tratto dalla graphic novel omonima di Chiara Cannito. A cura della Compagnia Fatti d’Arte. Ingresso libero.

Dal 27 al 31 gennaio

Ore 9.30, Auditorium della Scuola Anna De Renzio
Cineforum a cura dell’Istituto Comprensivo “Cassano-De Renzio”.

Lunedì 27 gennaio

Ore 9.30, Auditorium del Liceo Scientifico Galilei
“La tortura ieri e oggi”, mostra fotografica degli studenti del Liceo Scientifico Galileo Galilei.

Ore 18, Teatro Traetta
“Bambole ed eroine: Hedy Lamarr, la diva che disse no al nazismo”, conversazione con Carla Petrocelli, docente di Storia della rivoluzione digitale Università di Bari. A cura dell’Accademia Vitale Giordano.

Martedì 28 gennaio

Ore 10, Scuola Fornelli
“Fu Stella”, le classi Quarta E e F incontrano l’illustratrice Premio Andersen Vittoria Facchini, dialogando di parole e immagini per ricordare, dopo la lettura dell’albo illustrato “Fu Stella”.
Incontro realizzato in collaborazione con la Libreria Hamelin. Ingresso riservato alle scolaresche aderenti al progetto.

Ore 20.30, Teatro Traetta
Aspettando il Traetta Opera Festival 2020.
“RECORDARE”, concerto dell’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari.
Con la partecipazione straordinaria di KATIA RICCIARELLI, solista e voce recitante.
Musiche di Kurt Weill “Sinfonia n.2” e Vincenzo Anselmi “Il suono del silenzio”.
Testo di Antonietta Cozzoli, liberamente tratto dal Diario di Anne Frank. Direttore Vito Clemente. Ingresso libero. Diritti di prenotazione € 5,00. Info al Botteghino del Teatro 080 3742636.

Mercoledì 29 gennaio

Ore 18,00 Torrione Angioino
“La chimica della Shoah: il ruolo della scienza nel campo di concentramento di Auschwitz”, conversazione con Massimo Trotta, ricercatore CNR-IPCF di Bari. A cura dell’Accademia Vitale Giordano.

Ore 18.30 Foyer del Teatro Traetta
“Giuseppe Di Vagno, prima vittima dell’odio fascista”. Tavola rotonda a cura dell’ANPI sezione di Bitonto.

Giovedì 30 gennaio

Ore 9.30, Auditorium della Scuola Anna De Renzio
“Souvenirs da Auschwitz”, spettacolo teatrale della Compagnia “Fatti d’arte”. A cura dell’Istituto Comprensivo “Cassano-De Renzio”.

Venerdì 31 gennaio

Ore 18, Torrione Angioino
“Le leggi razziali in Italia e Germania e le ripercussioni sul movimento scientifico europeo”, conversazione con Pietro Greco, giornalista e docente universitario. A cura dell’Accademia Vitale Giordano.

Sabato 1 febbraio

Ore 21, Teatro Traetta

Aspettando il Traetta Opera Festival 2020.
“MEMORIE”, concerto dell’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari.
Musiche di Vittorio Pasquale “Elegia”, Filippo Traetta “Sinfonia Concertata” (revisione a cura del Centro Studi Traetta), Pasquale La Rotella “Preghiera alla Vergine” (revisione a cura del Traetta Opera Festival) e Vincenzo Anselmi “Memorie”.
Voce recitante Antonietta Cozzoli. Direttore Vito Clemente.
Ingresso libero.

Lunedì 3 febbraio

Ore 20,00 Mariotto Chiesa Matrice
Aspettando il Traetta Opera Festival 2020.
“MEMORIE”, concerto dell’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari.
Musiche di Vittorio Pasquale “Elegia”, Filippo Traetta “Sinfonia Concertata” (revisione a cura del Centro Studi Traetta), Pasquale La Rotella “Preghiera alla Vergine” (revisione a cura del Traetta Opera Festival) e Vincenzo Anselmi “Memorie”.
Voce recitante Antonietta Cozzoli. Direttore Vito Clemente.
Ingresso libero.

Martedì 4 febbraio

Ore 18 Sancti Nicolai Convivium
Conversazione con Antonio Scagliarini, presidente dell’Istituto Storico “Don Policarpo Scagliarini”.
Interventi di esuli e testimoni dei tragici eventi.
Introduce e modera il giornalista Marino Pagano.
A seguire, inaugurazione della mostra “Foibe, dramma storico nella memoria viva”, mostra documentaria sull’esodo degli italiani dalle terre Istriane e sulla tragedia delle Foibe.

Ore 19.30 Teatro Traetta
“Voci della Memoria”, reading letterario e performance musicale a cura degli studenti del Liceo Classico Carmine Sylos.

Mercoledì 5 febbraio

Ore 10 e 11.30, Teatro Traetta
“L’alloggio segreto”, spettacolo teatrale tratto da “I diari di Anna Frank” di e con Elisabetta Tonon. In collaborazione con “Io sono Mia”. Spettacolo dedicato alle scuole.

Ore 18, Teatro Traetta
“Foibe: le verità negate. La tragedia degli italiani di Istria e Dalmazia”, conversazione con Gianni Oliva, docente universitario e scrittore. A cura dell’Accademia Vitale Giordano.

Giovedì 6 febbraio

Ore 10 e 11.30 Teatro Traetta
“L’alloggio segreto”, spettacolo teatrale tratto da “I diari di Anna Frank” di e con Elisabetta Tonon. In collaborazione con “Io sono Mia”. Spettacolo dedicato alle scuole.

Ore 20.30 Teatro Traetta
“L’alloggio segreto”, spettacolo teatrale tratto da “I diari di Anna Frank” di e con Elisabetta Tonon. In collaborazione con “Io sono Mia”.
Ingresso libero.

Venerdì 7 febbraio

Ore 9, Scuola Fornelli
“L’albero della Memoria” – le classi terze della scuola Fornelli incontrano l’autrice Anna Sarfatti dialogando sui temi della Memoria e dei Diritti, dopo la lettura dei libri “L’albero della memoria ” e “Chiama il Diritto, risponde il Dovere”.
Incontro realizzato in collaborazione con la Libreria Hamelin.
Ingresso riservato alle scolaresche aderenti al progetto.

Ore 18, Teatro Traetta
“Voci di donne oltre il filo spinato”, a cura degli studenti dell’Istituto Comprensivo Sylos.

Sabato 8 febbraio

Ore 21, Teatro Traetta
“Songs for Freedom”, concerto in “piano solo” di Alberto Iovene, con letture del Presidio del Libro di Bitonto. Ingresso libero.

Domenica 9 febbraio

Ore 18, Sancti Nicolai Convivium
“La freddezza del male: gli esperimenti di Dachau e la medicina moderna”, conversazione con Matteo Cerri, ricercatore e docente Università di Bologna. A cura dell’Accademia Vitale Giordano.

Lunedì 10 febbraio

Ore 10 e ore 11.30 Torrione Angioino
“Come fiori di loto – per illuminare l’oscurità con la forza della speranza” di Dominique Jean Paul Stanisci, laboratori didattici con le scuole.

Ore 10-12 e 17.30-19.30 Teatro Traetta
“Shoah, Porrajmos, Foibe: umanità alla deriva”, mostra video-documentaria, reading e musiche corali a cura dell’Istituto Comprensivo “Modugno-Rutigliano-Rogadeo”.

Ore 18.30 Torrione Angioino
Finissage della mostra fotografica “Come fiori di loto – per illuminare l’oscurità con la forza della speranza” di Dominique Jean Paul Stanisci. Dibattito sul tema “Dignità umana”.