La Puglia che non t’aspetti è a Barcellona

Con spettacoli, degustazioni, mostre d’arte e promozione turistica, il Tacco d'Italia regina delle giornate dedicate dalla Spagna al Belpaese

527
0
CONDIVIDI

La Puglia trionfa in Spagna. Concerti, spettacoli, degustazioni, mostre d’arte, laboratori, promozione diretta presso gli operatori turistici e il pubblico, organizzati dal Tacco d’Italia, hanno polarizzato l’attenzione delle migliaia di visitatori accorsi a Madrid per “Passione Italia” e a Barcellona per “La Festa! Italia Repubblica creativa”, le scintillanti vetrine allestite annualmente sul suolo iberico per mettere in mostra il meglio del Belpaese.

Ad organizzare la missione spagnola, la Regione Puglia, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese, Puglia Sounds e Apulia film Commission. Un’ampia e articolata serie di eventi, a cui si è associata un’imponente campagna promozionale, Puglia, unexpected Italy, rivolta a far conoscere una terra autentica, antica e moderna, viva e ricca di eventi in tutti i periodi dell’anno, nelle stazioni centrali e metropolitane, totalmente brandizzate #weareinpuglia, con migliaia e migliaia di passeggeri che hanno potuto conoscere e ammirare le ricchezze paesaggistiche e artistiche della nostra regione su videowall e su decine e decine di pannelli digitali.

La Puglia pubblicizzata su uno schermo alla stazione di Barcellona

Giornate dense di eventi, a cominciare dalle feste pugliesi al terminal Grimaldi, con le luminarie della cassa armonica della ditta Fanaiuolo di Putignano, che dominavano il porto di Barcellona, alle altre iniziative realizzate presso la Filmoteca de Catalunya, la Fundació Enric Miralles e l’Istituto Italiano di Cultura, a cui si deve la promozione di artisti pugliesi come Giorgio Di Palma e Francesco Arena, autori di mostre e installazioni di arte contemporanea.

Una immagine della Puglia su un pannello informativo a sinistra

Una grande festa del made in Puglia, presente con tutte le sue agenzie di promozione del cinema, della musica, dell’arte e del design, a cui ha offerto un contributo determinante la numerosa comunità italiana della circoscrizione consolare: più di 95mila connazionali di cui 30mila residenti a Barcellona.

Una festa, come ovvio, anche per il palato, grazie alla Camera di commercio italiana di Barcellona, che ha promosso degustazioni di prodotti pugliesi con la partecipazione dei numerosi ristoranti presenti in città, e per le orecchie, con la taranta e la pizzica di Enza Pagliara, e i mix sonori di Alex Kennon, dj pugliese famoso ad Ibiza, e Nicola Conte, famoso in tutto il mondo.

Barcellona è stata anche sede della sesta edizione di BuyPuglia Tour 2019 – evento organizzato da Pugliapromozione, in partenariato con l’Enit, l’Agenzia Nazionale del Turismo – che dopo Praga, Francoforte, Mosca e Vilnius ha fatto tappa a Madrid e, infine, nella capitala catalana, dove sono state presentate le bellezze della Puglia agli operatori turistici e ai rappresentanti della stampa spagnoli, col fine di creare nuove opportunità di business per le imprese pugliesi.

Il concerto di musica tradizionale pugliese

La Spagna è tra i primi dieci mercati esteri per la Puglia. Nel 2018 gli arrivi e i pernottamenti in Puglia hanno visto un aumento rispettivamente del 36% e del 34% rispetto all’anno precedente. Una crescita dovuta anche ai voli diretti tra la Puglia e molte città spagnole: Madrid, Barcellona, Siviglia, València, Ibiza e Palma de Maiorca.

Il presidente Emiliano con a fianco la console d’Italia, Gaia Danese, a Barcellona

A rappresentare la Puglia a Barcellona, il presidente Michele Emiliano che è stato accolto dalla console generale d’Italia, Gaia Danese, impegnata ad ampliare e rafforzare il partenariato culturale tra Italia e Spagna, valorizzando la produzione e gli artisti italiani più creativi e, tra questi, tanti pugliesi.

Nell’immagine in alto, le luminarie della ditta Faniuolo di Putignano allestite sul porto di Barcellona