L’anno del record per Cinema a colazione

Con la proiezione di "Ralph Spacca internet" e un focus sui pericoli della rete, il matinée cinematografico ideato da Just Imagine fa il pieno di presenze

583
0
CONDIVIDI

Attenzione! Una fiumana di bambini potrebbe travolgere, in questi giorni, i bitontini in strada, vista l’enorme partecipazione a Cinema a colazione, matineée cinematografico, giunto alla IV edizione, firmato dall’associazione Just Imagine, reduce dalla recente proiezione di “Segretarie. Una vita per il cinema“, documentario dedicato alle collaboratrici dei più grandi cineasti italiani, scritto e diretto da Raffaele Rago, romagnolo, e dalla bitontina Daniela Masciale, presentato al Traetta in occasione della festa della donna.

Ben 1866 alunni, provenienti da varie scuole dell’infanzia e primarie di Bitonto, Palombaio, Mariotto e Palo del Colle, accompagnati da più di 200 docenti, affollano le strade cittadine per approdare al cinema Coviello, in cui possono godere della visione dell’ultimo film d’animazione Disney, Ralph spacca Internet. Ma certo non affronteranno una simile impresa a stomaco vuoto: la proiezione avrà un sapore diverso dal solito, reso più squisito dalla consumazione di cornetti e biscotti. Il tutto con un contributo di appena tre euro, da cui sono esonerati studenti diversamente abili e indigenti.

Cinema a colazione 2019 just imagine
La locandina del matinéè realizzata dal vignettista e disegnatore Pierfrancesco Uva, socio dell’associazione

A parlarci dell’iniziativa è il docente Carmelo Michele Bacco, membro di Just imagine e responsabile dei rapporti con le istituzioni scolastiche. “Cinema a colazione nasce nel 2015 da un’idea di Carmen Albergo, media educator e critica cinematografica, concretizzatasi grazie al lavoro di tutti i soci di Just Imagine, Domenico Saracino, Viviana Minervini, Pierfrancesco Uva e Giovanna Delvino spiega. “Lo scopo è quello di legare la visione di un film dall’alto valore didattico -spiega- al piacere di una buona colazione, completando l’esperienza con premi e ulteriori attività collaterali dalle spiccate finalità educative”.

La manifestazione, infatti, non si risolve nella semplice proiezione, ma prevede il sorteggio di tre premi per ogni scuola aderente all’iniziativa – buoni libro e un corso di fumetto, svolto dall’illustratore Domenico Sicolo – e la consegna al referente di ogni classe della guida Comunica in sicurezza, redatta dal CO.RE.COM. pugliese per le scuole secondarie di primo grado ma ugualmente adatta ai gradi d’istruzione inferiori, utile a spiegare ai minori l’uso dei social e delle nuove tecnologie.

Cinema a colazione è stato proposto agli istituti scolastici nel settembre scorso, ottenendo ampio riscontro: complice la storicità e l’originalità dell’evento, che in una delle precedenti edizioni ha portato i bambini a realizzare modellini di città ideali poi raccolti in una mostra aperta alla cittadinanza. Quest’anno si è registrata un’adesione senza precedenti, per cui si è rivelato estremamente prezioso il ruolo delle funzioni strumentali, i docenti che coordinano le attività extracurriculari. La comunicazione tra l’associazione e le varie realtà scolastiche si è dimostrata efficace e immediata soprattutto grazie al loro apporto, che ha garantito la gestione di un così grande flusso di ragazzi.

Considerati i vari momenti preparatori e il forte legame che lega l’associazione alla realtà bitontina, è innegabile l’impatto sociale e culturale generato dal lavoro di Just Imagine, fresca della vittoria del bando “Il bene torna comune” promosso da Fondazione per il Sud. “La comunità cittadina si fida del nostro operato: lo dimostrano i numeri dei partecipanti a Cinema a colazione, in continua ascesa di anno in anno”, spiega Carmelo Bacco. “Questo testimonia l’interesse che la popolazione ha verso la nostra offerta culturale. Come associazione ci auguriamo di poter essere sempre più utili alla città munendoci di un luogo fisico che ci rappresenti. Penso in particolare a palazzo Planelli, la residenza storica candidata al bando in cui, insieme ai nostri partner, allestiremo una sala cinema, un’aula di formazione multimediale, una sartoria e un museo visuale grazie ai fondi vinti con Fondazione per il Sud. Una grande opportunità che ci consentirà di sistematizzare e allargare ad una platea più ampia il lavoro prodotto in questi quattro anni di vita, in modo da garantire alle giovani generazioni una fruizione intelligente e condivisa del cinema e una conoscenza più accurata del patrimonio artistico-architettonico locale”, conclude il docente.

Cinema a colazione è cominciato, ieri. Poco più di 500 studenti hanno già affollato la grande sala del Coviello. Altri ne arriveranno oggi e, poi, ancora mercoledì 20 e giovedì 21 marzo. Per gli organizzatori sono loro, i bambini festanti, il segno più luminoso della riuscita dell’evento.