Con Arena Rogadeo torna il cinema all’aperto

"Animi e viaggi" è il titolo della terza edizione della rassegna allestita nell'atrio della biblioteca comunale di Bitonto e curata da Just Imagine

144
0
CONDIVIDI

Dopo il successo degli “Schermi D.O.C. – Dialoghi Oltre Cinema” e “Cantieri del Cinema. Dei luoghi e dei linguaggi”, l’associazione “Just Imagine” ripropone, all’interno della programmazione Bitonto Estate 2018 – con il patrocinio del Comune di Bitonto, del Parco delle Arti e della Federazione Italiana Cineforum – una selezione filmografica di corti d’autore, perlopiù sconosciuti al grande pubblico.

Come già avvenuto nel corso delle precedenti edizioni, si è scelto di dare spazio agli autori locali, privilegiando sempre e comunque forme innovative di linguaggio visivo, capaci di restituire allo spettatore frammenti luminosi della complessa contemporaneità in cui siamo immersi.

Per l’estate, quindi, apre un nuovo “cantiere” fatto di “Animi e viaggi”: sarà questo, infatti, il fil rouge che unirà i quattro incontri che avranno luogo, come di consueto, nell’atrio della biblioteca comunale “E. Rogadeo” (via G. Rogadeo, 52) alle 20.45.

Si parte lunedì 30 luglio con un viaggio tra chi vuole riprendersi il suo posto nel mondo, quello di “Giulia una storia qualunque”. È il cortometraggio scritto a quattro mani dal regista Vincenzo Ardito e dallo sceneggiatore Sergio Recchia, che vuole provare a raccontare le difficoltà quotidiane dei 50 pazienti psichici e psichiatrici incontrati durante il percorso Cartabianca, queste persone che tra mille ostacoli vogliono riprendersi un posto nel mondo. Ci sono eventi che ci stravolgono la vita, che agli occhi degli altri sembrano superabili ma che, se lasciati soli, non riusciamo ad affrontare. Giulia, una storia qualunque racconta la storia di una giovane donna che ha vissuto un trauma importante durante la sua infanzia. La separazione dal fratello, destinato a lasciare la città dove vivono, suo unico punto di riferimento, risveglia antiche paure e la rende incapace di vivere e di lavorare. Ma scatta qualcosa, al limite dell’impossibile, che porta Giulia in un’altra dimensione. Modera il giornalista Domenico Saracino.

Vincenzo Ardito
Vincenzo Ardito

Martedì 31 luglio, invece, la serata sarà dedicata all’artista Franco Sannicandro, scomparso lo scorso febbraio. L’amico Franco, già ospite di “Arena Rogadeo” negli anni passati, sarà ricordato con un lavoro del video artista Gianni De Serio “Ritratto inconscio”.

Insieme a De Serio, saranno ospiti della serata anche i famigliari, il giornalista Rai Francesco Paolo del Re, la critica d’arte Lucia Anelli, il docente e amico Giuseppe Fioriello oltre a docenti e alunni del Liceo Scientifico “Galilei” di Bitonto con cui l’artista Sannicandro lavorò poco prima della dipartita. Ad accompagnare gli ospiti nella chiacchierata, ci saranno i corti di Simone Massi su “cinema e poesia d’animazione” e l’artista Francesco Albanese che creerà un angolo di disegno istantaneo; a moderare il dott. Marco Tribuzio.

Si continua il 6 agosto con un viaggio sulla incomunicabilità e la solitudine delle giovani generazioni. Sarà proiettato il corto “Amarsi è capirsi” del giovane regista bitontino Michele Saulle. Un incubo, un ragazzo si sveglia obnubilato non sa bene da cosa, non sa più farsi comprendere, mozziconi di parole vengono fuori dalla sua bocca invece di frasi compiute, la donna che ha trascorso con lui la notte lo abbandona, gli amici restano basiti dinanzi ai suoi fonemi, l’esame all’università è un disastro, la festa piena di rumori è un luogo da cui fuggire al più presto. Alla fine, il protagonista si rivede dinanzi allo specchio della toilette, ove d’improvviso entra la fanciulla che lo aveva mollato. Durante la serata sarà mostrato anche il videoclip “Wise Up – Aimee Mann”. Assieme al regista, saranno ospiti della serata l’autore Matteo Capozucco, autore e la dott.ssa Lucia Elia, psicologa e psicoterapeuta. Modera il giornalista Mario Sicolo.

Michele Saulle
Michele Saulle. Foto: Matteo Nardone

Il 7 agosto il viaggio è tra la vita e la giustizia. con “Pugni”, un corto inedito del regista bitontino Giovanni Botticella. A causa di un incidente medico, Grazia è costretta a rimanere a letto come un vegetale. Sua madre e suo figlio devono prendersi cura di lei, darle da mangiare, vestirla e lavarla. Antonio vorrebbe incontrare quel dottore per vendicarsi e chiedere giustizia. È la storia di un ragazzo che vorrebbe giustizia dove giustizia non può esserci, non solo perché il sistema non punisce i colpevoli ma anche perché forse non è colpa di nessuno. Assieme al regista ci sarà il dott. Felice Spaccavento, Anestesista Rianimatore ASL BA. Sarà proiettato anche il cortometraggio “L’ultimo viaggio”, soggetto di Botticella, regia di Valeria Lucchetti, con la direzione artistica di Silvio Soldini e con Marina Massironi. Modera Viviana Minervini.

Giovanni Botticella
Il regista e attore Giovanni Botticella durante uno spettacolo teatrale

Il percorso di “Just Imagine” terminerà il 30 settembre con “Racconti da Lungomare Italia” (2018). Il racconto video delle interviste più belle del fotoreporter bitontino Lorenzo Scaraggi a bordo del Vostok100k sulle orme di Pier Paolo Pasolini. Ospite della serata il prof. Vito Santoro, docente all’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”.