Bitonto è la regina di Cortili Aperti

Tra oggi e domani, attesi migliaia di turisti in città da ogni angolo della Puglia per la manifestazione che, quest'anno, apre i battenti di sessanta dimore storiche e propone mostre d'arte e spettacoli teatrali

130
0
CONDIVIDI

Oggi e domani si terrà la sesta edizione di Bitonto Cortili Aperti, iniziativa organizzata dalla sezione pugliese dell’Associazione Dimore Storiche Italiane, in collaborazione con il Comune di Bitonto, nell’ambito delle “Giornate Nazionali A.D.S.I.”, promosse in tutta Italia.

Bitonto è fra le tappe più importanti d’Italia: intanto perché l’iniziativa si svolge nel corso di due giornate e non di una soltanto, come nel resto del Paese, e poi sopratutto per il numero di cortili che verranno aperti, in qualche caso per la prima volta in assoluto al pubblico, come la cappella di San Salvatore, annessa al palazzo Ancarano, finalmente accessibile dopo un lungo restauro.

Da non trascurare il chiostro medievale di San Francesco d’Assisi e Palazzo Bove Planelli Termite, quello del balcone teatro della storia fra gli innamorati Pietà e Termite, una leggenda per molti versi simile a quella di Romeo e Giulietta. Bitonto detiene quest’anno un primato nazionale: sono infatti ben 60 gli immobili pubblici e privati a cui i visitatori potranno accedere nel centro antico, nella parte ottocentesca della città e fuori dalle mura, tutti di grande rilevanza storico-artistica.

Lo scopo dell’iniziativa è, fra gli altri, quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla meritoria e onerosa opera di conservazione effettuata dai proprietari di dimore storiche che, pur rimanendo private, rivestono interesse pubblico per la loro valenza storica, artistica o architettonica e, quindi, per la loro idoneità a connotare in senso positivo il territorio. Questo enorme patrimonio rappresenta sempre più un importante fattore di crescita economica sia come meta di nuovi ed alternativi percorsi turistici sia come opportunità per la sopravvivenza di una manodopera ad altissima specializzazione, impiegata in lavori di manutenzione e restauro.

Oggi alle 18,00, partendo da Porta Baresana, in piazza Cavour, partirà il giro inaugurale a cui parteciperanno il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, l’assessore al Marketing territoriale, Rocco Mangini, e per Adsi – Sez. Puglia, il vice presidente Piero Consiglio assieme al consigliere Antonio Marchio de Marinis.

I cortili potranno essere visitati sabato dalle 18,00 alle 22,00 e domenica 27 dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,30 alle 22,00. Ad accogliere i visitatori ci saranno complessivamente oltre 800 studenti di tutti gli istituti superiori e delle scuole medie inferiori della città, che racconteranno le storie delle dimore, anche in lingua straniera (inglese, francese, spagnolo, tedesco, rumeno, albanese e arabo).

Gli organizzatori prevedono l’arrivo di migliaia di turisti a Bitonto da ogni parte della Puglia: tantissime infatti le richieste di informazione giunte da ogni dove, anche da fuori regione.

Tra le novità di quest’anno un percorso speciale dedicato ai più giovani, un gioco urbano a cura di Tou.Play, denominato “#ShareThePriscio, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro del liceo classico e linguistico “C. Sylos”.

Come sempre nell’ambito di Bitonto Cortili Aperti non mancheranno, poi, gli eventi. Il più atteso è in programma stasera alle 20,30 presso il teatro comunale Tommaso Traetta, una performance teatrale dal titolo “Per grazia ricevuta: Tableaux Vivants dynamiques dall’opera di Caravaggio”, messa in scena da Teatri35 con la collaborazione del Comune di Bitonto, dell’Associazione Dimore Storiche Italiane, del Teatro Pubblico Pugliese e e del Parco delle Arti di Bitonto. Sul palco saliranno gli attori Gaetano Coccia, Francesco Ottavio De Santis e Antonella Parrella.

Presso il museo archeologico “Fondazione De Palo-Ungaro” rimarranno aperte, inoltre, le mostre “Gli Angeli della Bibbia – Pensieri e visioni in dieci tavole pittoriche di Vito Cotugno”, e “Pittura e Filosofia: un incanto possibile nelle opere di Nicola Petta”, oltre ad un omaggio a Francesco Speranza: “Mio padre, mia madre, mia sorella, i grandi ritratti degli Anni Trenta”.

Presso il Cortile San Nicola, invece, si terrà la personale di pittura di Franco Carbone. Alle 11,00 alle 15,30 e alle 18,00 presso la Galleria Devanna e alle 18,30, alle 19,30 e alle 21,00 nel chiostro di Santa Teresa sarà proiettato, infine, il cortometraggio “Art Skills, generazione 2.0 nell’arte”. Altri eventi sono in programma domenica.