Una torta con dieci candeline per “Giornalisti del Mediterraneo”

Il festival e l’omonimo concorso sono un'importante occasione per riflettere sui conflitti in riva al "mare nostrum”

46
0
CONDIVIDI

Il festival “Giornalisti del Mediterraneo” si avvia a tagliare il traguardo dei primi dieci anni.

Promosso dall’associazione “Terra del Mediterraneo”, in collaborazione con il Comune di Otranto, rappresenta ormai un appuntamento tradizionale nel panorama delle rassegne dedicate al “mare nostrum”.

Con il festival, che si avvale del patrocinio di Regione Puglia, Legacoop Puglia, Università di Bari col suo Master in giornalismo, Corpo consolare di Puglia, Basilicata e Molise, giunge alla sua decima edizione anche l’omonimo concorso giornalistico.

Tre le sezioni previste: terrorismo internazionale, dalla Siria all’Europa; Mediterraneo e diritti negati; pace e immigrazione.

Termine per la presentazione degli elaborati il 30 maggio 2018. La premiazione si terrà il 15 settembre 2018 ad Otranto.

Il concorso “Giornalisti del Mediterraneo” si rivolge a professionisti e freelance, oltre che ai giovani delle scuole di giornalismo nonché agli studenti dei corsi di laurea in Scienze della Comunicazione, e mira a coinvolgere reporter italiani e stranieri, della carta stampata e della televisione, del mondo del web e radiofonico.

“Il decimo compleanno della manifestazione – spiega Tommaso Forte, giornalista e fondatore del festival – rappresenta un grande traguardo. Obiettivo è aprire un dibattito per capire, alla luce dei conflitti nel Mediterraneo che indirettamente toccano anche il nostro Paese, quali sfide ci attendono in futuro. Ciò grazie ai lavori dei reporter che quei conflitti li vivono in prima persona, nei teatri di guerra. Sull’immigrazione, altro tema cardine del festival, il focus è sui pregiudizi nei confronti degli immigrati, spesso alimentati dai media”.

“I dieci anni del Festival dei Giornalisti del Mediterraneo – spiega Lino Patruno, presidente della giuria – segnano un prestigioso traguardo e giungono in un momento di grave crisi internazionale. La guerra in Siria, la tensione nel Mediterraneo, la violazione dei diritti umani, la minaccia del terrorismo internazionale, la tragedia dell’immigrazione sono troppo vicini a noi per non coinvolgerci non solo come giornalisti”.

Per conoscere nel dettaglio il regolamento del concorso si può consultare il sito www.giornalistidelmediterraneo.it oppure chiamare al numero 346.8262198.